NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

Uso dei cookie

Il "Sito" (www.gianlucaverrengia.com) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di www.gianlucaverrengia.com.
Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.
Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite;

  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password;
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da www.gianlucaverrengia.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti.

Tipologie di Cookie

Cookie tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito.
Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata

  • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito.
www.gianlucaverrengia.com userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza.
Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito.
I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing.
Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi).
Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

www.gianlucaverrengia.com, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.

  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da www.gianlucaverrengia.com e che che quindi non risponde di questi siti.

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Se desideri approfondire le modalità con cui il tuo browser memorizza i cookies durante la tua navigazione, ti invitiamo a seguire questi link sui siti dei rispettivi fornitori.

Mozilla Firefox

https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Google Chrome

https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Internet Explorer

http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies

Safari 6/7 Mavericks

https://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT&locale=it_IT

Safari 8 Yosemite

https://support.apple.com/kb/PH19214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT

Safari su iPhone, iPad, o iPod touch

https://support.apple.com/it-it/HT201265

Musica originale per il TUO Progetto?

Cerchi Musica Originale per il TUO PROGETTO? Sono sempre in cerca di nuove e proficue collaborazioni..
Se vuoi propormi o semplicemente discutere del tuo nuovo progetto ove è richiesta una specifica tessitura sonora, basta scrivermi e sarò felice di valutare e farti sapere la mia idea sul progetto.

Aspetto una tua Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Gianluca

Per avere un' idea di quale possa essere un iter qualitativo del mio lavoro propongo un mio articolo, da molti ritenuto interessante e chiarificatore.

 

UN ESEMPIO DI FLUSSO LAVORATIVO TRA CREATIVI : “SOUND OF TYPOGRAPHY”

Un video- spot-presentazione di una tipografia... Nulla di speciale fin qui.. se non che all' art director Roberto Terrinoni, viene in mente di fare un qualcosa di “speciale”... riprendere le varie macchine in una continuita' logica del ciclo di stampa , accompagnando il tutto dalla “musica delle macchine”; il germe dell' idea mi ha subito incuriosito, soprattutto il fatto di dover tenere la tensione musicale e ritmica per oltre due minuti con solo il “suono” di macchine tipografiche.

Il primo passo è stato quello di registrare in loco (della tipografia) il suono delle varie stampanti, a diverse velocità, spostamenti, e registri vari, stando attento a carpire qualsiasi suono o loop naturale potenzialmente utile in fase di composizione. Interessante notare come il muoversi in modo non convenzionale (ad esempio ad altezza quasi rasoterra) uscissero altri suoni non evidenti ad altezza normale.

La collaborazione dei vari macchinisti ha consentito un' esplorazione rapida di tutte le possibilità “sonore” delle macchine, oltre che ad eseguire loro stessi dei suoni (ormai non riesco a chiamarli più rumori) con la carta tipica delle lavorazione come il “pareggiamento” o l' inserimento della lastra (che potete sentire all' inzio del brano).

Con oltre 30 minuti di suoni sul Dat, il lavoro vero e proprio poteva iniziare. Il primissimo passo in post produzione è stato quello di separare e trovare in ogni macchinario, vari cicli con un ritmo identificabile che poi sarebbero stati limati tramite l' uso di un campionatore.

Ci siamo; dopo vari tentativi il tutto iniziava ad avere una cronologia precisa anche se la sovrapposizione dei vari suoni per creare un contrappunto ritmico era da fare con molta attenzione poiché ogni suono era molto fitto e denso in termini di frequenze, per cui l' accostamento era da effettuarsi con attenzione. Mancava però ancora il collante vero e proprio : la musica!

 Guardando ripetutamente il video ed ascoltando, l'idea arrivo' “dare anima alle macchine... e cosa meglio di un suono di un' orchestra d'archi e voci. A quel punto, carta alla mano, stabilita la struttura e due temi, ho potuto realizzare la parte che è stata pensata con un accento forte verso il lirismo e la vibrazione, proprio in contrapposizione con il suono stretto, ermetico, quasi robotico delle varie stampanti.

Il contrasto sin dalle prime elaborazioni era efficace, funzionava, ed un' attenta gestione della forma del brano ha consentito di avere uno sviluppo dello stesso fino alla fine con un crescendo quasi a morire, in sincrono con lo spegnimento dell' ultima macchina.

Durante la fase di lavorazione ho maturato la convinzione che la sinergia tra immagine e musica molto spesso si può consolidare usando gli opposti in termini di immagine ed il suo suono, come in questo caso delle macchine umanizzate dalla musica, dove il riferimento sono del video è la pulsazione ritmica della musica.

Nella fase preliminare era stato usato anche una paletta sonora con suoni più sintetici e molto “techno” ma l' effetto era più quello di una eccessiva “massa”, che andava ad ingolfare il messaggio visivo anch' esso molto dinamico e fitto.

Un esempio storico, potrebbe essere, con (le relative distanze) quello del fischio della scena di “Per qualche dollario in più” (http://www.youtube.com/watch?v=_xwyUwBQkJ4&feature=related) dove nella scena finale , supposta essere con la massima tensione, è fondata sull' uso di un suono di un piccolo clarillon, con una melodia neanche troppo tensiva... ma l' effetto è neanche dirlo, ottimo. In conclusione, è buona idea provare a sperimentare anche un approccio trasversale della musica sulle immagini, magari riusciamo a trovare anche un sapore inaspettato che ben si sposa con il nostro progetto.